IY2M al Museo MTE di Pavia - AriVigevano 2018

ARIVIGEVAN                IQ2VJ                                           
Associazione Radioamatori Italiani  -  Sezione Fondata nel 1956
Vai ai contenuti
ARI Vigevano è partner del
Museo della
Tecnica Elettrica
Università di Pavia

IY2M al Museo MTE di Pavia

La Sezione > Le attività
A.R.I. VIGEVANO E UNIVERSITA’ DI PAVIA INSIEME PER COMMEMORARE IL NOBEL A MARCONI

di Giampietro Girelli – IK2AVH

Quando il Museo della Tecnica Elettrica dell'Università di Pavia ci chiese di collaborare ad un evento per commemorare il Centenario del Nobel conferito a Marconi, noi, come al solito pieni di entusiasmo quando si tratta di imbarcarci in nuove avventure, accettammo l'invito senza esitazione. I curatori del Museo si ricordavano della mostra da noi allestita nel 2006 a Vigevano “Dalla scintilla all'invenzione” e volevano riproporre un'attività simile in occasione dell'importante ricorrenza Marconiana. Per noi della Sezione di Vigevano, questa sarebbe stata un'ottima opportunità per continuare l'opera di divulgazione storico-scientifica sull'invenzione della Radio che ci vede impegnati da anni. Inoltre, il sodalizio con l'Università di Pavia dava al nostro sforzo una sorta di consacrazione che, non possiamo negarlo, ci riempiva di orgoglio e soddisfazione.  
Questo sarebbe stato un evento molto impegnativo e da parte nostra cercammo di coinvolgere anche altre persone che, pur non facendo parte della Sezione, potevano essere interessate ad un'attività presso l'Ateneo pavese. Così, una volta verificate le varie disponibilità, iniziammo a darci da fare.
All'interno del Museo, organizzammo uno spazio in cui era possibile ripercorrere in sintesi la storia dei Radioamatori. Fu allestita inoltre una vera e propria stazione radio grazie alla quale i visitatori venivano coinvolti dai nostri soci in trasmissioni con tutto il mondo. Per l'occasione, richiedemmo il nominativo speciale IY2M. Infine, come nel 2006, collaborò con noi Claudio Gilardenghi che, grazie alle sue fedeli riproduzioni di esperimenti scientifici, illustrò il percorso che da Galvani portò all'esperienza Marconiana.
 
Venerdì 2 ottobre 2009 venne così inaugurata a Pavia la mostra“Marconi 09 - Il contributo di Guglielmo Marconi Premio Nobel 1909, allo sviluppo della telegrafia senza fili e della radio”. Durante questa giornata, alla presenza delle autorità, attivammo un collegamento fra la nostra stazione e IY4FGM. Questo fu un momento particolarmente emozionante e dal forte valore simbolico: contattare il luogo da cui Marconi aveva effettuato la sua prima trasmissione era indubbiamente il modo migliore per celebrare un simile evento. La nostra mostra durò fino a gennaio 2010, e raccolse svariati consensi fra i visitatori. Il nostro impegno fu totale: ogni giorno, in settimana e durante i week-end, i nostri soci furono sempre presenti per accogliere i visitatori. Trovammo particolarmente gratificante il successo riscosso fra i gruppi di studenti, che si trovavano circondati dalle apparecchiature esposte e che venivano coinvolti attivamente in trasmissioni radio con tutto il mondo. Il percorso tracciato dalla Mostra permetteva così non solo di avvicinare i non addetti ai lavori al mondo dei Radioamatori, ma di acquisire una visione generale della storia della radio.
Gli sforzi per pianificare e mettere in pratica un'attività simile sono stati completamente ripagati dalla motivazione che ha mosso ognuno di noi nel compierli. Parlare di radio, essere circondati da apparecchiature che per noi hanno un fascino indescrivibile, comunicare con chi come noi condivide la stessa passione: tutto questo fa parte della nostra storia di radioamatori e di persone, e fa sì che la nostra passione sia viva proprio come quando per la prima volta, anni fa, abbiamo acceso una radio, attratti da questo mezzo che ha rivoluzionato il modo di comunicare. Come in occasione di altri eventi organizzati da noi, alla fine della mostra ci siamo ritrovati stanchi ma appagati, e soprattutto impazienti di affrontare una nuova sfida.
 
Tutto questo grazie ad un gruppo di soci e di amici che ha lavorato in armonia: IK2BCE-I2MYF-IK2AVH-IK2AGN-IK2WYW-I2FUZ-IK2BSK-IW2NOH-IZ2EXF-IK2XEH-IZ2QDQ-IK2JUA-IW2HGO. Un sentito ringraziamento per la collaborazione agli amici IZ1ANZ- I4NE – IW4EIC – IZ4FTB, Claudio Gilardenghi, Roberto Galdi e Francesco Pietra.
Molti gli studenti tra i visitatori della manifestazione, qualcuno ha voluto inviarci le impressioni

Torna ai contenuti