Dopo il temporale... - AriVigevano 2018

ARIVIGEVAN                IQ2VJ                                           
Associazione Radioamatori Italiani  -  Sezione Fondata nel 1956
Vai ai contenuti
ARI Vigevano è partner del
Museo della
Tecnica Elettrica
Università di Pavia

Dopo il temporale...

Autocostruzione
... QRM su tutte le frequenze.
Esperienza diretta di Giorgio I2FUZ

Passato il temporale, ricollegate le antenne agli apparati, ecco la sorpresa: un forte QRM con crepitio su tutte le frequenze.
E' risaputo che i fenometi elettrici durante i temporali possono talvolta produrre gravi danni dove colpiscono ma in questa circostanza piu' che fulmini si era scatenato un nubifragio con scrosci di pioggia particolarmente forti.
A distanza di ore dal temporale le cose non migliorano affatto, brutto segno, comunque porto pazienza e aspetto fino al giorno seguente. L'indomani tutte le radio sono ancora disturbate dal misterioso crepitio, ricevo solo i segnali forti mentre le stazioni deboli restano immerse nel rumore.
Passate due settimane la situazione e' ben lungi dal migliorare e a questo punto, esaurita la pazienza, mi rimbocco le maniche per trovare un rimedio. Accertato che il QRM si riceve meglio con il modo AM e proviene quasi certamente dalle vicinanze, inizio una sorta di caccia all'antenna o caccia alla volpe come si dice in questi casi. Con le antenne direttive VHF ed UHF riesco a stimare la direzione del segnale e la cosa potrebbe farsi tragica visto che puntano in direzione del Municipio! Occorre mantenere la calma per risolvere il problema della localizzazione. Mi sono ricordato di una vecchia "mattonella" operante sulla banda cittadina che come caratteristiche preferisce ricevere i disturbi al posto delle stazioni... e' perfetta per questa missione!
Per evitare strani commenti da parte di chi mi vedesse girare con tanto di radio, antenna, batteria ecc. , come un cacciatore di fantasmi, nascondo il tutto nel cestino della bicicletta ed inizio la perlustrazione a partire dalle vie piu' vicine. I risultati non tardano a farsi sentire, infatti passando davanti all'ingresso di un'abitazione occupata da due anziani coniugi il rumore diventa fortissimo. Cosa ci sara' mai all'interno?
Per saperlo occorre entrare ma come fare a giustificare una simile intrusione?
Tramite conoscenti riesco ad informare i due anziani, ignari di tutto, che mi invitano in casa e dopo aver ascoltato il disturbo alla radio non hanno la minima idea su cosa fare. Li invito a staccare la corrente sul contatore ed immediatamente il disturbo cessa. Riarmando l'interruttore tutto riprende ed e' qui che si ricordano di strani rumori provenienti dal campanello lamentando il guasto del pulsante sulla strada guarda caso proprio dopo il famoso temporale...
Il violento nubifragio aveva letteralmente inzuppato i contatti elettrici del pulsante posto sulla strada che di conseguenza si era messo a scintillare danneggiandosi e provocando il QRM che veniva poi casualmente irradiato da un fascio di cavi elettrici dell'ENEL che passavano sulla facciata.
Tutto si e' risolto con la semplice sostituzione di un pulsante e del campanello ma i nostri due anziani hanno continuato a chiedersi come io abbia fatto ad individuare un guasto elettrico a casa loro usando semplicemente alcuni apparati radio.
Torna ai contenuti